Arteria tibiale posteriore

L’arteria tibiale posteriore è uno dei due rami di divisione (insieme all’arteria tibiale anteriore) dell’arteria poplitea, dalla quale origina all’altezza dell’arcata tendinea del muscolo soleo e discende dietro la tibia fino alla doccia mediale del calcagno dove termina, sotto l’in­serzione prossimale del muscolo abduttore del­l’alluce, dividendosi nelle arterie plantare mediale e plantare laterale. Quest’ulti­ma si dirige dapprima in avanti e lateralmente; raggiunta la base del 5° metatarsale curva medialmente per portarsi al 1° spazio intermetatarsale dove, anastomizzandosi con il ramo planta­re profondo dell’arteria dorsale del piede, for­ma l’arcata plantare. È dall’arteria arcuata e dall’arcata plantare che originano la maggior parte dei rami arterio­si per il piede.
L’arteria tibiale posteriore ha rapporto in avan­ti con il muscolo tibiale posteriore in alto e con il muscolo flessore lungo delle dita in basso; è applicata a questo muscolo dal foglietto profondo della fascia della gamba. Dorsalmente è coperta dal muscolo tricipite del­la sura; quando questo muscolo continua nel tendine calcaneale, l’arteria si colloca sul lato mediale del tendi­ne stesso, ricoperta soltanto dalla fascia e dalla cute. Nella doccia calcaneale, decorre sotto il retinacolo dei muscoli flessori (legamento laciniato) e ha rapporto anteriormente con il tendine del muscolo flessore lungo delle dita e posteriormente con il muscolo flessore lungo dell’alluce. Alla sua estremità inferiore si trova direttamente a contatto con la tibia e con l’articolazione tibioastragalica. È accompagnata da due ve­ne satelliti; il nervo tibiale le si pone dapprima medialmente, poi la incrocia e decorre lateralmente a essa.

Rami ricorrenti dell’arteria tibiale posteriore sono:

  • Arteria ricorrente tibiale mediale, che circonda il margine mediale della tibia, attraversando le inserzioni del muscolo soleo, e si distribuisce alla cute della superficie mediale della gam­ba, anastomizzandosi anche con la rete arti­colare del ginocchio.
  • Arteria circonflessa fibulare, che decorre la­teralmente, intorno al collo della fibula, for­nendo diramazioni al muscolo soleo e parteci­pando alla rete articolare del ginocchio.

Rami collaterali dell’arteria tibiale posteriore per la gamba sono:

  • Rami muscolari per i muscoli tricipite surale, tibiale posteriore, flessore lungo delle dita, flessore lungo dell’alluce.
  • Arteria nutritizia della tibia, che penetra nell’osso su­bito sotto l’arcata del muscolo soleo.
  • Arteria peroniera, che origina 2-3 cm sotto l’arcata tendinea del soleo e si dirige in basso e lateralmente per raggiungere la fi­bula. Discende poi verticalmente seguendo la cresta mediale di quest’osso, appoggiata alla membrana interossea, per raggiungere infine l’articolazione tibiotarsica dove termina. È accompagnata da due vene satelliti e dal ramo del nervo tibiale destinato al muscolo flessore lungo dell’alluce.
    Fornisce i seguenti rami:

    • Rami muscolari per i muscoli so­leo, tibiale posteriore, flessore lungo dell’alluce e peronieri.
    • Arteria nutritizia della fibula.
    • Ramo perforan­te, che attraversa la membrana interossea per anastomizzarsi con l’arteria malleolare anteriore laterale e con l’arteria tarsale laterale.
    • Arteria mal­leolare posteriore laterale.
    • Rami calcaneali laterali.

Rami collaterali dell’arteria tibiale posteriore per le reti malleolare e calcaneale sono:

  • Arteria malleolare posteriore mediale, che nasce dietro al malleolo tibiale e concorre, in­sieme con i rami dell’arteria tibiale anteriore (e dell’arteria dorsale del piede), a formare la rete malleolare mediale.
  • Rami calcaneali mediali, che si distaccano, in numero di due o tre, dall’arteria tibiale poste­riore nella doccia calcaneale e si anastomizzano con i rami calcaneali dell’arteria peroniera, formando la rete calcaneale.
  • Attraverso l’arteria peroniera.
  • Arteria malleolare posteriore lateralel’arteria peroniera (dall’arteria peroniera), che concorre a formare la rete malleolare laterale
  • Rami calcaneali laterali (dall’arteria peroniera), che si ramificano sul­la faccia esterna e posteriore del calcagno anastomizzandosi con l’arteria tarsale laterale e con i rami calcaneali mediali.

Rami terminali dell’arteria tibiale posteriore sono:

  • Arteria plantare mediale, che fornisce un contributo alla va­scolarizzazione della regione plantare;
  • Arteria plantare laterale, più voluminosa, che è l’arteria principale per l’irrorazione sanguigna della pianta del piede. Si dirige in avanti e in fuori fino alla base del 5° osso metatarsale, insieme con il nervo plantare laterale. Cambia poi direzione portandosi medialmente e attraversala pianta dal piede insieme con il ramo profon­do del nervo plantare laterale, fino allo spazio che separa le basi del 1° e del 2° osso metatarsa­le, dove si anastomizza, a pieno canale, con il ramo plantare profondo dell’arteria dorsale del piede, formando l’arcata plantare.
    Alla sua origine, l’arteria plantare laterale, è situata nello spessore del retinacolo dei flessori e nel portarsi in avanti e lateralmente decorre fra il muscolo quadrato della pianta, situato profondamente e il muscolo abdut­tore dell’alluce e flessore breve delle dita; in prossimità del 5° dito è più superficiale e decorre tra i muscoli qua­drato della pianta e flessore breve del 5° dito. Quando descrive l’arcata plantare è situata sulla base delle ossa metatarsali e sui muscoli interossei, tra questi e il capo obliquo del muscolo adduttore dell’alluce.
    Nel suo decorso, fino al 5° osso metatarsale, l’arteria plantare laterale fornisce:

    • Rami musco­lari, per i muscoli con i quali ha rapporto.
    • Rami cutanei, per la cute del margine laterale del pie­de.
    • Rami anastomotici, che si anastomizzano con i rami delle arterie tarsali laterali e arcuata.
    • Arteria metatarsale 1a.

Arteria tibiale   Arteria tibiale posteriore

Articolo creato il 12 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/arteria-tibiale-posteriore/
Twitter
Precedente Linfonodi sternali Successivo Scroto (o borsa scrotale)