Mummificazione

La mummificazione è un fenomeno cadaverico trasformativo di tipo conservativo.
Una rapida disidratazione dei tessuti, che avviene per tempera­ture esterne elevate in ambienti secchi e con adeguata ventilazione, porta all’arresto dei processi putrefattivi e blocca l’azione delle larve degli insetti, portando così alla formazione naturale di mummie.
La mummificazione avviene più facilmente nei cadaveri di persone magre, denutrite, morte per cachessia; tali corpi sono ridotti a pelle e ossa con i tegumenti molto sottili che aderiscono allo scheletro. La cute assume un colore giallo bruno e consistenza pergamenacea. Gli organi interni sono rimpiccioliti, compatti, secchi e leggeri. Il processo si completa entro un anno e tale si mantiene per decenni.

Articolo creato il 19 gennaio 2014.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/mummificazione/
Twitter
Precedente Proteine G Successivo Metodi per la dimostrazione delle proteine