• Medicina legale
    Medicina legale

    Modalità d’indagine del sopralluogo medico-legale

    Le indagini di sopralluogo medico-legale dovranno limitarsi a un’accurata descrizione; quando vi è il rischio di modificazioni le indagini dovranno arrestarsi e dovrà essere avvertito sempre il Pubblico Ministero, a meno che non vi sia la certezza o il rischio imminente di alterazioni dei reperti che imponga una loro immediata acquisizione (ad esempio, prelievo di tracce ematiche situate in un luogo aperto e non riparabili in caso di pioggia imminente, ovvero il rilievo della tempera­tura ambientale e rettale di un cadavere, che deve essere il più precoce possibile) al fine di acquisire dati importantissimi senza correre il rischio di nullità.

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Visita per l’accertamento dell’invalidità civile

    Presso ogni ASL è istituita almeno una Commissione per l'accertamento delle invalidità civile. La Commissione è composta da un medico specialista in medicina le­gale che assume le funzioni di presidente e da due medici di cui uno scelto preferen­zialmente tra gli specialisti in medicina del lavoro. I medici sono scelti tra i medici dipendenti o convenzionati della ASL territorialmente competente.

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Trapianto di organi e tessuti

    Il trapianto di organi e tessuti è una pratica con risvolti non solo clinici, ma anche etici e legali. Prelievo da vivente Dal punto di vista etico, non si pongono problemi nel vivente per gli organi e i tessuti rinnovabili, quali il sangue e il midollo osseo, pur dovendosi riaffermare la necessità del consenso del donatore e del ricevente; da sottolineare peraltro che mentre la donazione di sangue è scevra da rischi, questo non è per il midollo e al donatore dovrà essere ben rappresentata la possibilità di qualche danno connesso al traumatismo del prelievo. Più complesso è il quadro del prelievo di organi non rinnovabili per i quali, a…

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Asfissia da spazio confinato

    L’asfissia da spazio confinato è un'asfissia che si realizza qualora uno o più individui si trovino chiusi in uno spazio confinato e di piccole dimensioni senza possibilità di ricambio d'aria. È il caso, ad esempio, di bambini che restano chiusi in cassapanche ma anche di situazioni in cui molte persone si radunino in luoghi dove non c’è ricambio d’aria. La morte può interessare anche soggetti che cercano di salvare le persone rinchiuse, giungendo in un ambiente privo d’ossigeno. Stessa cosa per individui che entrano in container carichi di grano (o altre gramiacee) che consuma ossigeno cedendo anidride carbonica.

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Violenza sessuale

    La violenza sessuale è la costrizione mediante violenza o minaccia a compiere o subire atti sessuali. È un reato che fa parte dei delitti contro la libertà personale, disciplinato dall’articolo 609 bis del Codice Penale che sancisce che chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità, costringa taluno a compiere o subire atti sessuali, è punito con la reclusione da 5 a 10 anni. Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali: 1)      Abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto.

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Colpo di sole

    Il colpo di sole è molto simile al colpo di calore, dal quale si distingue per la specificità legata all’azione prodotta dalle radiazioni solari (effetto attinico e termico) sulla nuca dell’individuo esposto. La sintomatologia è la stessa del colpo di calore, alla quale si unisce, talvolta, la presenza di allucinazioni ed una maggiore incidenza di manifestazioni psico-nervose (irritabilità, amnesia, cecità e simili). All’autopsia spicca l’evidenza di una congestione meningo-encefalica con edema ed emorragie diffuse ed aumento del liquor. Articolo creato il 31 gennaio 2014. Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

  • Medicina legale
    Medicina legale

    Sterilizzazione volontaria

    Per sterilizzazione umana s’intende il ricorso ad interventi finalizzati ad assicurare la soppressione, sia nell'uomo che nella donna, della capacità di procreare. Detta finalità è perseguita mediante interventi che vanno dalla semplice legatura, rispettivamente dei dotti deferenti nell'uomo e delle tube della donna, alla loro resezione. Di solito consegue una sterilizzazione permanente atteso che il ripristino, in epoca succes­siva, della capacità di procreare non è propriamente agevole, spesso è bisognevole di interventi di ricanalizzazione microchirurgica, non sempre idonei a ripristinare una condizione di fertilità.