Craniometria

Il cranio presenta forme diverse da una popolazione all’altra. Allo scopo di classificarle sono stati stabiliti:

  • Punti di repere sulla superficie del cranio (punti craniometrici).
  • Misure craniche rilevate tra i vari punti craniometrici.
  • Indici cranici, cioè rapporti centesimali tra i valori di alcune misurazioni.

Punti craniometrici

  • Prosthion (punto alveolare di Broca): punto medio più sporgente del margine alveolare della superficie anteriore della mascella.
  • Akanthion: punto medio della base della spina nasale anteriore.
  • Nasion (punto nasale): punto mediano della sutura naso-frontale.
  • Glabella: punto mediano della protuberanza intersovraorbitaria.
  • Bregma: punto mediano della sutura coronale all’incontro con la sutura sagittale.
  • Prolambda (obelion): sulla sutura sagittale a livello dei fori parietali.
  • Lambda: al punto di incontro della sutura sagittale con la sutura lambdoidea.
  • Metalambda (opistokranion): sulla curva sagittale mediana.
  • Inion: punto mediano della protuberanza occipitale esterna.
  • Opisthion: punto mediano del margine posteriore del grande foro occipitale.
  • Basion: punto mediano del margine anteriore del grande foro occipitale.
  • Symphysion: punto mediano anteriore dell’arcata alveolare inferiore.
  • Hyposymphysion: punto mediano del margine inferiore del corpo mandibolare.

Punti craniometrici laterali

  • Stenion: alla base del processo zigomatico del frontale.
  • Stephanion: all’interserzione tra la sutura coronale e la linea temporale inferiore.
  • Coronion: sul margine parietale del frontale più distante dal piano sagittale mediano.
  • Zygion: il punto più laterale dell’arcata zigomatica.
  • Euryon: il punto del parietale più distante dal piano sagittale mediano.
  • Auricola: il punto più elevato del margine superiore del meato acustico esterno.
  • Euryon-Rhinion: sul margine laterale dell’apertura piriforme più distante dal piano sagittale mediano.
  • Gonion: all’angolo formato dal margine posteriore della branca ascendente con il margine inferiore del corpo della mandibola.
  • Pterion: all’unione tra parietale, grande ala dello sfenoide, squama del temporale e frontale.
  • Asterion: alla convergenza delle suture lambdoidea, parieto-mastoidea e occipito-mastoidea.

Diametri cranici

  • Diametro antero-superiore massimo: teso dalla glabella al metalambda.
  • Diametro trasverso massimo: congiunge i due punti euryon; è il massimo diametro longitudinale.
  • Diametro frontale minimo: teso tra i due punti stenion.
  • Diametro frontale massimo: teso tra i due coronion.
  • Diametro nasobasilare: teso tra i punti nasion e basion.
  • Diametro nasoalveolare: teso tra i punti prosthion e nasion.
  • Diametro bizigomatico: teso tra i due punti zygion.
  • Diametro basilobregmatico: teso tra i punti basion e bregma.

Circonferenze

  • Circonferenza orizzontale massima: passante per la glabella, l’euryon e il metalambda.
  • Circonferenza trasversale: passante per l’auricola, il bregma e ritornando all’auricola.

Indici del cranio e della faccia

  • Indice cefalico orizzontale (I.C.): è dato dal rapporto centesimale tra il massimo diametro longitudinale (diametro trasverso massimo) e il massimo diametro trasversale (diametro antero-posteriore massimo). Raramente ha valore superiore a 90 o inferiore a 70. Sulla base dell’I.C. i crani si classificano in:
    • Dolico cranici: I.C. < 75
    • Mesocranici: I.C. 75-80
    • Brachicranici: I.C. > 80
  • Indice verticale (vertico-longitudinale) (I.V.): esprime l’altezza del cranio relativamente alla sua lunghezza. In base al suo valore i crani si classificano in:
    • Camecranici (o platicefali): I.V. < 70
    • Ortocranici: I.V. 70-75
    • Ipsicranici: I.V. > 75
  • Indice faciale totale (I.F.): esprime il rapporto centesimale tra l’altezza e la larghezza della faccia (diametro bizigomatico). In base al suo valore i crani e le facce sono classificati in:
    • Euriprosopi: I.F. < 85 (facce corte e larghe).
    • Mesoprosopi: I.F. 85-90 (facce medie).
    • Leptoprosopi: I.F. > 90 (facce lunghe e strette).
  • Indice nasale (I.N.): stabilisce il rapporto centesimale tra la larghezza dell’apertura nasale e l’altezza del naso.In base al suo valore i crani sono classificati in:
    • Leptorrini: I.N. < 70 (naso stretto).
    • Mesorrini: I.N. 70-85 (naso medio).
    • Platirrini: I.N. > 85 (naso largo).
  • Indice orbitario (I.O.): esprime il rapporto centesimale tra l’altezza orbitaria massima e la larghezza orbitaria massima.

Articolo creato il 20 febbraio 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/craniometria/
Twitter
Precedente Genitali esterni femminili Successivo Scheletro del cuore