Fasci del cordone laterale del midollo spinale

I fasci del cordone laterale (ed anche anteriore) del midollo spinale sono distinti in fasci discendenti, che provengono dall’encefalo e vanno alle corna anteriori del midollo spinale, avendo funzione motrice, e fasci ascendenti, che nascono dalle corna posteriori del midollo spinale e salgono all’encefalo, essendo di natura sensitiva. Ci sono poi fasci a funzione associativa intersegmentale, formati da fibre nervose ascendenti e discendenti che, nate da cellule funicolari della sostanza grigia del midollo spinale, mettono capo alla sostanza grigia di segmenti spinali superiori od inferiori rispetto a quelli dove le fibre nervose medesime sono nate.
I fasci del cordone laterale del midollo spinale sono:

  • Il fascio fondamentale laterale, un fascio a funzione associativa intersegmentale, che è posto nella profondità del cordone laterale. Origina dalle cellule funicolari dell’apparato intersegmentale della sostanza grigia del midollo spinale, le cui fibre, immessesi nel fascio medesimo, si dividono ciascuna, in un ramo ascendente ed in un ramo discendente. Tali rami, dopo avere percorso 2 o 3 segmenti spinali, abbandonano questo fascio ed entrano nella sostanza grigia del midollo spinale, associando così segmenti spinali posti a diverse altezze.
  • Il fascio piramidale crociato (o fascio cortico-spinale laterale), un grande fascio discendente che occupa la parte intermedia del cordone laterale del midollo spinale, spostato posteriormente. Esso rappresenta la parte più cospicua del fascio piramidale, quella cioè che a livello del midollo allungato si è incrociata nella decussazione delle piramidi; è pertanto il fascio motore che reca gli impulsi per la motilità volontaria e cosciente. Originato dalla corteccia cerebrale della circonvoluzione frontale ascendente dell’emisfero cerebrale eterolaterale, questo fascio percorre il midollo spinale per tutta la sua lunghezza e va via via assottigliandosi perché continuamente cede fibre che passano nel corno anteriore omolaterale del midollo spinale, dove si mettono in rapporto sinaptico con i motoneuroni.
  • Il fascio reticolo-spinale laterale, un fascio discendente, motore, che si trova all’innanzi del fascio piramidale crociato, di lato al fascio reticolo-spinale laterale. Fa parte del sistema delle vie extrapiramidali, recando impulsi che controllano l’attività motrice ed il tono muscolare. Questo fascio, analogamente al fascio rubro-spinale anteriore del quale è però più voluminoso, prende origine dal mesencefalo dalla parte magnicellulare del nucleo rosso e si incrocia nella decussazione di Forel. Esso percorre il cordone laterale del midollo spinale, cedendo gradualmente fibre che entrano nel corno anteriore.
  • Il fascio tetto-spinale laterale, un fascio discendente che rappresenta la parte diretta delle vie ottica e acustica riflesse, deputate a causare movimenti riflessi in seguito ad impulsi luminosi ed uditivi. Questo fascio origina, analogamente al fascio tetto-spinale anteriore, dalla lamina quadrigemina del mesencefalo, ma le sue fibre non subiscono alcun incrociamento; esse discendono infatti omolaterali al corno anteriore del midollo spinale, dove contraggono sinapsi con i motoneuroni.
  • Il fascio vestibolo-spinale laterale, un fascio discendente, che nasce dai nuclei vestibolari del midollo allungato. Esso percorre longitudinalmente l’intero midollo spinale, emettendo via via fibre che entrano nel corno anteriore del midollo spinale stesso. Questo fascio, che reca impulsi provenienti dai recettori del senso statico dell’orecchio, determina movimenti riflessi del corpo atti al mantenimento o alla ripresa dell’equilibrio, esplicando la sua azione specie sui movimenti del tronco e degli arti inferiori.
  • Il fascio spino-talamo laterale, un fascio ascendente, sensitivo, che occupa la parte intermedia del cordone laterale del midollo spinale verso l’avanti, contiguo al fascio spino-talamico anteriore. Fa parte del secondo tratto della via spino-talamo-corticale e trasporta gli impulsi della sensibilità termica e di quella dolorifica del tronco e degli arti. Questo fascio, che unitamente al fascio spino-talamico anteriore e al fascio spino-tettale costituisce il cosiddetto lemnisco spinale, è un fascio crociato. Le fibre del fascio spino-talamico laterale originano infatti dal nucleo della testa del corno posteriore (o nucleo proprio del corno posteriore) eterolaterale e, dopo essersi incrociate nella parte mediana del midollo spinale, passano nel cordone laterale dove si fanno ascendenti costituendo appunto il fascio medesimo. Il fascio spino-talamico laterale percorre il tronco cerebrale e mette capo al nucleo ventrale posteriore del talamo; molte sue fibre si arrestano però nella formazione reticolare del midollo allungato ed in quella del ponte, da cui partono poi fibre che entrano nel fascio medesimo per raggiungere il talamo, oppure che si portano al cervelletto.
  • Il fascio spino-tettale, crociato, un fascio ascendente che decorre addossato al fascio spino-talamico laterale analogamente al quale prende origine dal nucleo della testa del corno posteriore del midollo spinale. Esso mette capo alla lamina quadrigemina del mesencefalo e trasporta impulsi della sensibilità esterocettiva protopatica, specialmente dolorifica.
  • Il lemnisco viscerale, dato da un insieme di fascetti ascendenti, sparsi, che prendono origine dai nuclei viscerosensitivi della base del corno posteriore del midollo spinale e che sono pertanto deputati al trasporto degli stimoli della sensibilità viscerale. Esso mette capo al talamo, oltre che alla formazione reticolare del tronco cerebrale e all’ipotalamo periventricolare.
  • Il fascio spino-cerebellare dorsale (di Flechsig), diretto, un fascio ascendente, sensitivo, che occupa la parte posteriore della superficie del cordone laterale del midollo spinale. Esso reca gli impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente, soprattutto quella del tronco, al cervelletto. Questo fascio prende origine dalla colonna del Clarke del corno posteriore omolaterale del midollo spinale. Percorso il midollo spinale, entra nel peduncolo cerebellare inferiore e giunge nel cervelletto, dove mette capo alla corteccia cerebellare del paleocerebello.
  • Il fascio spino-cerebellare ventrale (di Gowers), crociato,  un fascio ascendente, sensitivo, che si trova nella parte anteriore della superficie del cordone laterale del midollo spinale. Esso porta gli impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente, specialmente quella degli arti, al cervelletto. Questo fascio nasce dal nucleo intermedio mediale del corno posteriore eterolaterale del midollo spinale. Giunto al mesencefalo, entra nel peduncolo cerebellare superiore ed arriva così al cervelletto, dove termina nella corteccia cerebellare del paleocerebello.

Fasci del midollo spinale

Fasci del cordone laterale del midollo spinale

Fasci del midollo spinale

Articolo creato il 17 marzo 2012.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/fasci-del-cordone-laterale-del-midollo-spinale/
Twitter
Precedente Struttura della papilla ottica Successivo Proteine di membrana