Legamenti del collo del piede

A livello dell’articolazione tibio-tarsi­ca si trovano i legamenti del collo del piede, detti anche retinacoliSi distingu­ono retinacoli dei muscoli estensori, dei muscoli peronieri e dei muscoli flessori.

Funzione
Questi legamenti fungono da dispositivi di contenzione dei tendini che dalla gamba si portano al piede. Questi tendini in corrispondenza del collo del piede, formando un angolo che, in posizione di riposo del piede stesso, si aggira sui 100°-110°. 

I retinacoli dei muscoli estensori (o le­gamenti anteriori del collo del piede) e si distinguono in superiore e inferiore.

  • Il retinacolo superiore (o legamento trasverso della gamba) è rappresentato da un nastro fibroso disposto trasversalmente che si fissa al margine anteriore della tibia e alla faccia laterale della fibula.
  • Il retinacolo inferiore (o legamento crociato) è costituito da una porzione superficiale e da una profonda.
    La porzione superficiale si distacca dalla faccia late­rale del calcagno, si porta medialmente e si biforca in due rami di cui quello inferiore termina sullo scafoide e sul 1° osso cuneiforme e quello superiore si divide in una lamina superficiale (o pretendinea) che passa anterior­mente al tendine del muscolo tibiale anteriore e va a fis­sarsi al malleolo mediale, e in una lamina profonda, (o retro tendinea), che passa dietro al tendine e va ad inserirsi anch’essa al malleolo mediale. Nello spessore della por­zione superficiale del retinacolo si forma dunque un ca­nale fibroso in cui viene accolto il tendine del muscolo tibiale anteriore. Lo scorrimento è facilitato dalla pre­senza di una guaina mucosa.
    La porzione profonda del retinacolo ricalca le inser­zioni della porzione superficiale, ma resta adagiata al piano scheletrico. Tra le due porzioni, superficiale e profonda, si delimita un canale suddiviso da setti sagittali in gallerie secondarie; in esse si impegnano i tendini dei muscoli peroniero anteriore, estensore lungo delle dita ed estensore lungo dell’alluce. Anche qui guaine mucose facilitano lo scorrimento dei tendini.

Il fascio vascolonervoso del piede non passa in alcuno di questi canali, ma decorre al di sotto del foglietto pro­fondo.

I retinacoli dei muscoli peronieri si distinguono in su­periore e inferiore. Entrambi vanno dal malleolo latera­le alla faccia laterale del calcagno. Formano una guaina divisa da un setto in due canali secondari destinati al passaggio dei tendini dei due muscoli peronieri laterali che vi si impegnano circondati da guaine mucose.

Il retinacolo dei muscoli flessori (o legamento laciniato) è un legamento che si estende lungo il lato mediale del collo del piede. È teso dall’apice e dal margine posterio­re del malleolo mediale alla parte postero-inferiore della faccia mediale del calcagno. Due setti si staccano dalla sua faccia profonda e vanno ad inserirsi sullo scheletro sottostante. Si costituiscono in tal modo tre canali osteofibrosi destinati al passaggio dei tendini dei muscoli tibiale posteriore, flessore lungo delle dita e flessore lungo dell’alluce. Anche in questo caso lo scorrimento dei tendini è facilitato da guaine mucose.

Immagini

Legamenti del collo del piede

Retinacoli dei muscoli

Legamento plantare lungo        Legamento mediale o deltoideo del piede

Legamento laterale del piede

Immagini gentilmente offerte da KenHub

KenHub

Indice
– Anatomia
– Immagini
– Funzione
– Retinacoli dei muscoli estensori
– Retinacoli dei muscoli peronieri
– Retinacoli dei muscoli flessori

Articolo creato il 20 aprile 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/legamenti-del-collo-del-piede/
Twitter
Precedente Vasi e nervi dell'uretra femminile Successivo Struttura del pancreas esocrino