Trasportatori degli aminoacidi eccitatori

I trasportatori degli aminoacidi eccitatori (glutammato e aspartato), denominati anche neurotrasportatori di tipo II, sono proteine formate da una porzione ad elica N-terminale e almeno sei porzioni idrofobiche all’estremità C-terminale, che rappresentano putative porzioni transmembrana.
Sono localizzati nei terminali sinaptici con la funzione di recuperare le molecole di neurotrasmettitore rilasciate durante l’attivazione neuronale. Questi trasportatori, localizzati sulla membrana presinaptica, o su cellule gliali situate in prossimità della sinapsi, contribuiscono, insieme alla degradazione enzimatica, alla cessazione dell’attività dei neurotrasmettitori rimuovendoli dallo spazio sinaptico.
Questi trasportatori sfruttano un gradiente originato dal cotrasporto di due ioni sodio (Na+), di uno ione potassio (K+) e di un anione (OH o HCO3), per cui questi trasportatori sono elettrogenici determinando depolarizzazione e diminuzione del pH endocellulare; muovendosi in direzioni opposte, questi cotrasportatori sono quindi degli antiporti.

Trasportatori degli aminoacidi eccitatori

Articolo creato il 5 ottobre 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://www.medicinapertutti.it/argomento/trasportatori-degli-aminoacidi-eccitatori/
Twitter
Precedente Apparato della vista Successivo Farmaco-idiosincrasia